Case study: The big lightweight leather ball

Wellness Ball di Technogym

Wellness Ball di Technogym

Una palla come sedia  è  una delle tante soluzioni brillanti adottate da Technogym per rilassare la postura durante le ore di lavoro.  Sono tanti i progetti che ruotano intorno a questa sfera di plastica: progetti sul colore, sul materiale, sul rivestimento, sugli accessori e sul suo utilizzo. Nel 2010, trovai interessantissima l’idea di Studio Art di Vicenza, quella di rivestirle ispirandosi alle forme geometriche e sinuose con cuciture dei palloni sportivi.

Il primo tentativo di rivestimento è stato quello in cashmere, disegnato e realizzato dall’architetto Brunello Cucinelli ma le idee di ricoprire in tessuti differenti questo accessorio per l’ufficio, per la casa e per la palestra ha ispirato diversi designers e architetti.

Il disegno e le cuciture della superficie dei palloni da calcio, rispettano una geometria regolare conferendo loro rotondità, robustezza e unidirezionalità durante il tiro. Quelle delle palline da baseball invece hanno delle cuciture studiate per agevolare la presa e velocizzare  il lancio,  ognuna di loro è studiata per rispondere ad esigenze precise del giocatore. Quali forme e cuciture, quindi, sarebbero state più idonee da utilizzare per una sfera così grande da sostenere il peso di una persona?

I rivestimenti sono stati realizzati scegliendo come struttura geometrica quella dei palloni da calcio, anche se quelle cucite utilizzando le geometrie delle palline da baseball e da basket hanno avuto sia una buona tenuta che un ottimo effetto visivo. Ecco di seguito alcune foto di studio scattate durante la visita a Studio Art verificando la realizzazione del rivestimento in pelle, della loro tenuta e delle cuciture.

Dopo due mesi di prove, il risultato del progetto di Studio Art è stato sorprendente, l’eleganza di queste bellissime e giganti riproduzioni di palle da calcio e da baseball hanno lasciato tutti senza parole, grandi, morbide, soffici al tatto e con colori pastello accarezzati sia dai toni su toni che dai contrasti  amaranto delle cuciture.

Foto di Paolo Veclani

Fotografia di Paolo Veclani

Fotografia di Paolo Veclani

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: